Federico Cremona

Non è stata ancora smaltita l’euforia per la promozione in serie D della prima squadra di pallavolo maschile RIM, ma è già tempo di programmare la prossima stagione. La prima volta che Cerveteri vedrà una squadra di pallavolo maschile giocare in una categoria regionale, e questo onore, come tale, porta con sé l’onere di dover fare del nostro meglio.

Il primo vero colpo di mercato è il centrale Federico Cremona. Federico, classe 91, è cresciuto nel vivaio M Roma Volley (all’epoca l’unica società del Lazio militante in Serie A1) dove ha disputato campionati giovanili ai massimi livelli e campionati di categoria nazionale. Finito il percorso giovanile, Federico ha disputato campionati di Serie B1, B2 e C nel Lazio e non, figurando sempre come uno dei centrali più incisivi del suo girone. Federico, però, non è un volto del tutto nuovo: è stato il primo vero allenatore giovanile della RIM nel 2014. Successivamente è stato presente nello staff anche come allenatore della prima squadra maschile, di cui facevano già parte molti elementi tutt’ora presenti in rosa. Nella stagione appena conclusa gli impegni lavorativi e personali lo hanno tenuto fisicamente lontano dai nostri campi, ma non ci ha persi di vista neanche per un solo giorno, dimostrando di essere più di un semplice tecnico per la RIM. Ed ora, finalmente, vestirà la maglia verdeblu da giocatore. Il resto ce lo racconterà lui con una piccola intervista.

  • Sei entrato nella famiglia RIM come allenatore, ruolo che hai dovuto accantonare per motivi lavorativi. Ti manca allenare?
  • Sì, mi manca allenare, anche se in questo anno di allontanamento ho sentito di più la mancanza dei ragazzi e della società piuttosto che del ruolo di allenatore
Federico Cremona e Matteo Cilenti insieme nella Serie C del Team Volley Lago
  • Cosa ti ha portato ad accettare la nostra proposta di far parte della nostra Serie D neopromossa, dopo tanti anni di categorie superiori e la consapevolezza di poter ancora giocare ai tuoi massimi livelli?
  • Sicuramente l’ambiente ha influito molto sulla mia scelta. Dopo aver cambiato tantissime società, sentivo il bisogno di essere a casa. E la RIM Cerveteri è casa mia.
  • Solitamente i nuovi arrivati in un gruppo così unito devono cercare di inserirsi, e non è sempre facile. Il tuo caso, però, è molto diverso: entri in un gruppo di cui hai sempre fatto parte, ma in vesti diverse. Quanto conta per te giocare in un gruppo ed un contesto come questo?
  • Entro a far parte di un gruppo di ragazzi che conosco molto bene. La cosa più importante è che ora inizino a guardarmi con altri occhi: non sono più il loro allenatore ma un compagno di squadra. Abbiamo dei coach molto preparati, per cui i ragazzi non hanno più bisogno del Federico allenatore. Diverso è il discorso del campo, sono qui per dimostrare il mio valore, quello della squadra e della maglia che indossiamo, che è una seconda pelle. Il campionato sarà durissimo, e dovremo essere bravi a lottare e soffrire.
  • Come primo anno in una categoria regionale, l’obiettivo della squadra sarà la salvezza. Quali sono, invece, i tuoi obiettivi personali?
  • E’ giusto che la società ponga come obiettivo la salvezza, visto che siamo neopromossi, non conosciamo ancora il nostro valore all’interno del campionato quindi sarà importante mantenere la categoria. Penso, però, che man mano che affronteremo la stagione capiremo qual è il nostro livello e, di conseguenza, i veri obiettivi che dobbiamo perseguire. Le potenzialità per fare bene ci sono e sarebbe bello toglierci qualche soddisfazione in più. Dipende solo da noi. Per quanto riguarda me, invece, penso di aver acquisito la giusta esperienza per raccogliere una sfida come questa, quindi il mio obiettivo è riuscire a dare il mio contributo per far alzare l’asticella ogni giorno di più a questo gruppo.

Ringraziamo Federico per le belle parole, siamo certi che darà il massimo per questo campionato (considerando il fatto che ha già iniziato a lavorare in palestra con la squadra!). Gli facciamo un grande in bocca al lupo per questa nuova avventura ed invitiamo tutti i tifosi a venire a vedere cosa sa fare nelle gare di campionato.

Le novità non finiscono qui! Stay tuned…